La produzione cinematografica nel New Jersey batte ancora una volta i record nel 2022

Combattere il COVID: il New Jersey è in testa durante la pandemia

L'11 dicembre 2020, la Food and Drug Administration statunitense ha rilasciato la prima autorizzazione all'uso di emergenza (EUA) per un vaccino per la prevenzione del COVID-19. Quel vaccino è stato prodotto da Pfizer, Inc. nelle sue 23 strutture in 11 paesi diversi. È stata una pietra miliare importante nella campagna per combattere il virus che aveva sconvolto il mondo intero. È stato un momento cruciale della industria delle scienze della vita quando l'azienda ha annunciato lo scorso autunno dopo meno di 12 mesi di sviluppo, il suo vaccino mRNA era efficace al 95% nel prevenire le infezioni da COVID-19. Pfizer ha una presenza importante nel New Jersey e lungo il suo percorso di ricerca e sviluppo ci sono stati quattro contributori chiave che hanno dato vita al Ramapo College of New Jersey. Questa è la loro storia; una delle tante scoperte nella battaglia contro il COVID-19. Decine di aziende nel New Jersey hanno fatto la differenza durante l'ultimo anno, un vero esempio di aziende che si sono unite in un momento di necessità senza precedenti e che si affidano al talento del New Jersey per trovare il successo.

Alumni del Ramapo College e il vaccino Pfizer

Nel 2002, il Ramapo College ha fatto progressi diventando uno dei primi college quadriennali negli Stati Uniti a sviluppare un programma di laurea in bioinformatica. Secondo il professor Ramapo Paramjeet Bagga, co-fondatore del programma, "Questi corsi sono noti per essere estremamente impegnativi, ma questi studenti hanno lavorato molto duramente e hanno accettato le sfide con un sorriso", parlando dei suoi ex studenti. Amanda Gryzmolowicz '10 (BS Biology, minore in Chimica), Jake Stass '10 (BS Biology), Mingzhao Liu '16 (BS Bioinformatics, BS Computer science) e Patrick DeMarinis '19 (BS Bioinformatics), tutti nativi del New Jersey e Ramapo Alumni del college, ognuno ha contribuito a modo suo al successo del vaccino Pfizer. 

Gryzmolowicz e Stass, che si sono laureati nel 2010, non si sarebbero mai aspettati cosa sarebbe successo quando hanno iniziato la loro carriera. Dopo aver conseguito la laurea, Stass è entrato a far parte del team di Pfizer nel 2012 e ha trascorso quattro anni a La Jolla, in California, lavorando come analista di laboratorio, ricevendo campioni biologici raccolti dai programmi di vaccinazione e dagli studi clinici dell'azienda. È quindi tornato a Pearl River, New York, nel 2019, dove attualmente fornisce materiale di formazione per i siti clinici dell'azienda sulle istruzioni per la raccolta e l'elaborazione dei campioni. 

Gryzmolowicz ha avuto l'opportunità attraverso il professor Bagga di lavorare per un'azienda farmaceutica a New York o in Virginia nel giugno 2010. Ha finito per accettare una posizione a contratto con Pfizer a Pearl River nell'agosto dello stesso anno. Ha iniziato a lavorare come scienziata su due importanti vaccini incentrati sulla polmonite e la meningite e fa parte dell'organizzazione di ricerca e sviluppo sui vaccini da quasi undici anni. Ora gestisce un team come Responsabile delle operazioni informatiche ed è responsabile della comunicazione con i clienti, della convalida del sistema, dell'accesso e della collaborazione alle organizzazioni di ricerca clinica, della gestione degli account e della pianificazione e delle risorse del progetto. 

Liu è entrato a far parte di Pfizer come ingegnere informatico senior nel 2017 dopo aver conseguito la laurea in informatica e informatica. Sviluppa e testa nuovi sistemi per il tracciamento dei dati, la manutenzione dei sistemi esistenti e l'assistenza nelle attività di supporto. Dice: “Il lavoro potrebbe essere meglio descritto come costantemente in allerta poiché tutto ciò che riguarda COVID-19 doveva essere gestito con attenzione e rapidità. Riprendevamo costantemente un compito e lo lasciavamo per lavorare su lavori relativi al COVID-19. Naturalmente ha avuto la precedenza su tutti gli altri progetti”.

DeMarinis si interessò anche al programma di Bioinformatica, notando la combinazione unica di biologia, medicina e tecnologia. Poco dopo la laurea nel 2019, DeMarinis ha iniziato la sua carriera in Pfizer come Validation Engineer nel team di Research Informatics. Lui, insieme agli altri ex studenti Ramapo, attribuisce il suo attuale successo professionale alla sua esperienza al college. “Quando sono andato a Ramapo, mi sono interessato alle scienze e ho appreso di applicazioni di cui non ero mai stato a conoscenza. Un sacco di duro lavoro è stato dedicato a questo progetto [di vaccinazione]. È stato incredibile vedere tutti questi sforzi ripagati. Ero eccitato, orgoglioso e sollevato”.

Questi quattro individui hanno realizzato qualcosa in tempi record. Il loro lavoro, tuttavia, è tutt'altro che finito. "I test devono continuare e dobbiamo continuare a supportare i laboratori nei loro sforzi", afferma Liu. L'interesse di Pfizer si è ora spostato sugli studi materni e pediatrici. L'impatto del New Jersey sulla pandemia di COVID-19 è stato notevole e continueremo a guardare mentre le principali aziende sanitarie dello Stato fanno grandi passi avanti verso un domani migliore.

LE AZIENDE DEL NEW JERSEY ACCELERANO
INNOVAZIONE COVID-19

Entro la fine del 2021, si può affermare con certezza che la maggior parte del paese sarà stata influenzata positivamente dagli sforzi relativi al COVID di un'azienda del New Jersey. Pfizer è solo una delle aziende del settore biofarmaceutico ad avere un'impronta qui; delle 20 più grandi aziende farmaceutiche del mondo, 13 in totale hanno un indirizzo nel New Jersey. Inoltre, diverse dozzine di aziende di tecnologia medica, strutture sanitarie e produttori con sede nel New Jersey si sono fatte avanti per contribuire alla risoluzione della pandemia. Questi contributi includono:

Maggiore Life Sciences e Assistenza sanitaria Contributi

Le seguenti società sono esempi di come il New Jersey ha aiutato a combattere la pandemia di coronavirus.

Johnson & Johnson (Nuovo Brunswick, New Jersey) ricevuto approvazione della FDA di emergenza per il suo rivoluzionario vaccino contro il COVID-19 a una dose.

Merck (Kenilworth, New Jersey) is collaborazione con J&J per produrre i suoi vaccini COVID-19.

Sanofi (Ridgefield, New Jersey) sta sfruttando l'infrastruttura e l'esperienza di produzione presso la sua struttura di Ridgefield, NJ per aiutare riempire fino a 200 milioni di dosi del vaccino di Moderna a partire da settembre. È l'unica azienda a supportare la produzione di vaccini per 3 diverse aziende oltre a sviluppare i propri candidati.

BioAegis Therapeutics (Nord Brunswick, NJ) ha scoperto un legame chiave tra casi gravi di COVID-19 e pazienti con bassi livelli della proteina "gelsolina". Attualmente è in fase 2 di sperimentazione per un potenziale terapeutico per il coronavirus.

OncoSec (Pennington, New Jersey) è in fase 1 di sperimentazione del candidato vaccino CORVax12. I primi soggetti sono stati testati a fine gennaio.

Bellerophon Therapeutics (Warren, New Jersey) sta sviluppando una terapia con ossido nitrico utilizzando un inalante. Negli studi di fase 3, in studi precedenti è stato dimostrato che l'ossido nitrico aiuta a prevenire la replicazione virale e l'ossigenazione arteriosa della SARS-CoV, che è per l'82% correlata al COVID.

elettroCore (Basking Ridge, NJ) ha ricevuto con successo EUA dalla FDA per l'uso del suo stimolatore del nervo vago gammaCore Sapphire™ CV per aiutare a trattare i sintomi legati all'asma esacerbati dal coronavirus.

Admera Salute (South Plainfield, NJ) ha sviluppato la capacità di sequenziare in profondità l'intero genoma del virus, un ingrediente chiave nello sviluppo di farmaci e vaccini che si rivelerà doppiamente prezioso man mano che il virus muta.

PTC Therapeutics (South Plainfield, NJ) è attualmente nella seconda fase degli studi clinici di Fase ⅔ per il suo farmaco sperimentale contro il cancro, PTC299, utilizzato come un trattamento orale per COVID-19 che inibisce la replicazione virale e riduce l'infiammazione post-infezione.

Cellularità (Florham Park, NJ) ha annunciato la sperimentazione di un trattamento con cellule staminali che utilizza globuli bianchi "Natural Killer", chiamati CYNK-001. Sono in corso studi clinici per il suo utilizzo nel trattamento dei pazienti COVID-19, mentre la FDA ha anche accelerato il trattamento per l'uso con il glioblastoma multiforme, una forma di cancro che colpisce il cervello e la colonna vertebrale.

Hackensack Meridian Salute (Edison, New Jersey) ha collaborato con Merck collaborare all'identificazione dei candidati al trattamento per il virus. Ha anche creato il COVID Recovery Center, con l'obiettivo di fornire assistenza e studiare i pazienti che stanno vivendo complicazioni a lungo termine dal virus. Diverse altre entità sanitarie hanno istituito programmi simili all'interno dello Stato, tra cui il Deborah Heart and Lung Center, l'University Hospital di Newark e il St. Peter's University Hospital. Quest'ultima ha collaborato con la Mayo Clinic, per condividere i dati nell'ambito del suo programma di ricerca sulla terapia al plasma convalescente.

Contributi universitari

In quanto sede di diverse importanti università di ricerca, il New Jersey ha visto numerosi contributi provenire anche dai suoi istituti di istruzione superiore.

Rutgers University

A RUCDR Infinite Biologics (ora Infinity BiologiX) è stato concesso l'EUA per produrre il primo test COVID a casa basato sulla saliva per uso generale. Il test ha aiutato a proteggere gli operatori sanitari che in precedenza erano a rischio di infezione eseguendo tamponi di naso e gola, oltre a rendere i test meno invasivi.

Università di Princeton

Gli ex alunni della Princeton University e la startup locale Optimeos Life Sciences inc., hanno sviluppato una tecnologia di nanoparticelle che potrebbe aiutare a introdurre una quantità di vaccino cinque volte superiore nelle cellule dei riceventi, il che migliorerebbe ulteriormente l'efficacia di qualsiasi vaccinazione.

Rowan University

Studenti di medicina e ingegneri hanno aiutato a produrre un progetto e produrre a Mascherina stampata in 3D per la protezione contro il COVID. Piuttosto che aspettare per trovare una soluzione alla produzione di massa, l'università ha reso disponibili i piani sul suo sito Web, a cui può accedere chiunque possieda una stampante 3D capace.

New Jersey Institute of Technology

Dalle profondità del suo Makerspace, un ecosistema creato dall'università per aiutare a facilitare l'innovazione, l'invenzione e la realizzazione dei prodotti, la comunità NJIT ha collaborato per progettare e fabbricare schermi facciali per combattere la diminuzione delle forniture per i soccorritori. Lo scudo utilizzava plastica HDPE specificatamente per combattere gli agenti patogeni che si aggrappano alla maschera.

Contributi aggiuntivi nella lotta alla pandemia

Sebbene i settori delle scienze della vita e dell'assistenza sanitaria siano stati i leader nella lotta contro il coronavirus, non sono state le uniche aziende dello Stato a farsi avanti. Produzione anche le istituzioni e i servizi pubblici si sono rafforzati. Alcuni, come una fabbrica di Lysol nella contea di Somerset, hanno un ritrovato senso di orgoglio nella loro quotidianità. Altri, come quelli di seguito, sono stati costretti a fare un perno per trovare un modo per contribuire.

PSEG (Newark, New Jersey)

Per aiutare con l'immediata carenza di forniture mediche per gli operatori di emergenza in tutto lo Stato, PSE&G ha donato 50,000 maschere respiratorie n95. Il tipo di maschera continua ad essere così richiesto durante la pandemia che la FDA ha richiesto che il il grande pubblico non li usa per consentire a più persone di rendersi disponibili ai primi soccorritori e agli operatori sanitari.

BASF (Florham Park, New Jersey)

Il produttore tedesco ha riproposto la sua struttura a Washington, NJ, per realizzare un prodotto che non aveva mai realizzato prima: un disinfettante per le mani. Con l'obiettivo di produrre 3,500 galloni, BASF ha fornito gratuitamente il disinfettante agli ospedali e alle agenzie governative del New Jersey e dello stato di New York.

Unionwear (Newark, New Jersey)

Il marchio di abbigliamento ha cambiato le sue attività all'inizio della pandemia per concentrarsi sulla produzione di visiere. L'azienda era in grado di produrre da 8,000 a 10,000 scudi al giorno per gli ospedali locali.

Sandy Alexander (Clifton, New Jersey)

Mentre gran parte degli aiuti si è concentrata sugli operatori sanitari, Sandy Alexander si è orientata per aiutare altri lavoratori essenziali. Il produttore ha utilizzato il suo stabilimento nel New Jersey per creare "protezioni contro lo starnuto" di plastica che potrebbero essere utilizzate per proteggere i cassieri.

Brother International Corp. (Bridgewater, New Jersey)

L'eccellenza internazionale delle forniture per la casa e l'ufficio non aveva bisogno di andare lontano per avere un impatto immediato sulla lotta al virus: l'azienda ha donato 100 macchine da cucire industriali ad altri produttori che stavano creando dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari nel New Jersey.

Innovare in uno Stato che fa la differenza

Nel corso di un solo anno, l'ecosistema del New Jersey si è dimostrato capace non solo di rispondere alla chiamata quando necessario, ma di svolgere un ruolo importante nel salvare vite umane. L'obiettivo di Choose New Jersey è aiutare le aziende a vedere il loro potenziale nel nostro Stato. In qualità di organizzazione di sviluppo economico senza scopo di lucro, siamo in grado di fornirti informazioni gratuite e riservate per assisterti in informazioni di mercato, assistenza nella selezione dei siti, informazioni sulle risorse statali e altro ancora. Sei nel settore delle scienze della vita, della sanità o della produzione? Contattaci oggi per saperne di più su come unirsi a coloro che hanno già avuto successo nel New Jersey.

Compila il modulo per saperne di più su ciò che il New Jersey ha da offrire.
Una volta completato il modulo, avrai accesso alle guide per il tuo settore e un rappresentante ti contatterà con ulteriori dettagli.

  • A quali risorse sei interessato per la tua attività?
    (Seleziona tutte le risposte pertinenti)

  • nascosto

step 1 of 5

COSA PUÒ SCEGLIERE che New Jersey faccia per te

Servizi di trasloco ed espansione

Forniamo risposte RFI personalizzate, dati demografici, valutazioni di mercato dettagliate e altri servizi gratuiti di trasferimento e espansione dell'attività. Quando la tua azienda sceglie di crescere nel New Jersey, ti aiuteremo anche a pubblicizzare le tue buone notizie.

Visite al sito

Semplificheremo la ricerca della tua proprietà, così troverai il sito che meglio soddisfa le tue esigenze di trasferimento o espansione.

Collegamenti per lo sviluppo economico

I nostri partner pubblici e privati ​​forniscono una vasta gamma di servizi. Dalla collaborazione nella ricerca nell'istruzione superiore all'assistenza normativa e legale fino alla formazione della forza lavoro, ti assicureranno un atterraggio regolare.

Rena Shermann
Responsabile della ricerca
Phil Loureiro
Responsabile dello sviluppo aziendale